Cos'è l'Omento?

Panoramica

Gli omenti sono pieghe del peritoneo che racchiudono nervi, vasi sanguigni, canali linfatici e tessuto adiposo e connettivo. Vi sono due omenti: l'omento maggiore pende dal colon trasverso dell'intestino crasso come un grembiule; l'omento minore è molto più piccolo e si estende tra il stomaco e il fegato.

L'omento fu riconosciuto per la prima volta in epoca egizia e fu chiamato da Aristotele come grande epiploon. Il chirurgo britannico Rutherford Morrison nella sua pubblicazione “Introduction to Surgery” (1910) lo definì “il poliziotto dell'addome”. Dall'inizio del ventesimo secolo, il controllo delle infezioni addominali e l'isolamento della ferita erano funzioni ben riconosciute dell'omento.
Questo articolo ti fornirà una breve introduzione all'omento. Quindi descriverà la struttura, la funzione, le relazioni e la vascolarizzazione dell'omento maggiore e minore.

.

Struttura

Alcune sono le pieghe peritoneali fuse che collegano lo stomaco e il duodeno con altri organi addominali. Ci sono due omentum, il grande omento e il piccolo omento.

Il maggiore omento attribuisce lo stomaco al colon trasverso. Il minor omento attacca lo stomaco e il duodeno al fegato. Le menta sono derivate dalle mesenterie embriologiche ventrale e dorsale. L'omento maggiore è derivato dal mesentere dorsale, mentre il minore omento ha origine dal mesentere ventrale.

Grande omento
L'omento maggiore (o omentum majus), come suggerisce il nome, è il più grande dei due omenti. È una struttura simile a un grembiule che si estende dalla maggiore curvatura dello stomaco e del duodeno prossimale. Da qui, scende poco sopra il colon trasverso, il digiuno e l'ileo. Quindi si piega posteriormente e sale per attaccarsi al mesocolon trasversale. L'omento maggiore contiene grandi quantità di grasso, che è molto variabile tra gli individui.

Il minore omento

L'omento minore si estende dalla minore curvatura dello stomaco e del bulbo duodenale (prima parte del duodeno) al fegato. Uno dei suoi ruoli è quello di separare il maggiore dalla borsa omentale. L'omento minore è costituito da due legamenti: legamento epatoduodenale localizzato in posizione mediana e legamento epatoduodenale localizzato lateralmente. Il legamento epatogastrico collega la minore curvatura dello stomaco alla superficie viscerale del fegato. Il legamento epatoduodenale passa dal bulbo duodenale verso la superficie viscerale del fegato. Finisce come un confine libero, formando il margine anteriore del forame omentale, il legamento epatoduodenale trasporta la triade portale (vena portale epatica, corretta arteria epatica e dotto biliare).

Ultrastruttura

L'omento è costituito da due fogli mesoteliali comprendenti adipociti insieme a tessuto connettivo lasso. Inoltre, vi è un accumulo di cellule fagocitiche mononucleate. L'esame microscopico rivela che è composto da due tipi di tessuto unici, un'area ricca di grasso e una sottile area traslucida fenestrata. Il ruolo principale delle aree traslucide non è stato del tutto stabilito, anche se si ritiene che siano attivamente coinvolte nel trasporto di fluidi e soluti. La zona adiposa dell'omento contiene invece macchie lattiginose o “taches laiteuses”. Queste macchie lattiginose sono state descritte da Ranvier e svolgono un ruolo cruciale nella rimozione dei batteri e promuovono la maturazione e la proliferazione dei macrofagi e dei linfociti B.

Illustrazione dell'omento maggiore e minore
Illustrazione dell'omento maggiore e minore. Immagine di ASCCC OERI

Qual è la funzione dell'Omento?

Il maggiore omento impedisce al peritoneo parietale e viscerale della cavità addominale di aderire all'altro. Ad esempio, impedisce al peritoneo parietale che riveste la parete addominale anteriore di attaccarsi al peritoneo viscerale dell'ileo.

Omentum è stato riconosciuto per avere un ruolo importante nella difesa immunitaria. Contiene aggregati linfoidi, detti milky spots (MSs), che contribuiscono all'immunità peritoneale

Può anche aderire a un organo infiammato, come l'appendice, per proteggere gli organi sani nell'addome. Per questo motivo, il maggiore omento è a volte indicato come il "poliziotto dell'addome".

Il minore omento trasporta le arterie per la minore curvatura dello stomaco; le arterie gastriche destra e sinistra.

La capacità rigenerativa dei tessuti dell'omento favorisce la guarigione delle ferite.
Il progenitore (una cellula progenitrice è una cellula biologica che può differenziarsi in un tipo specifico di cellula) le cellule dell'omento producono molti fattori di crescita e angiogenici. Pertanto, può migrare verso i tessuti danneggiati e aiutare nel processo di rigenerazione. È stato utilizzato per molte procedure chirurgiche, come il trattamento di fratture ossee, lesioni della colonna vertebrale, ischemia cuore malattie e lesioni epatiche

Fornitura neurovascolare all'omento

Le arterie omentali destra, sinistra e media formano il principale apporto di sangue dell'omento. Queste arterie provengono dalle arterie gastroepiploiche destra e sinistra. La superficie anteriore è fornita dall'arteria omentale destra più grande, mentre la superficie posteriore è fornita dall'arteria omentale sinistra più piccola.

L'omento è costituito da fibre nervose simpatiche. Le fibre nervose sono presenti intorno ai piccoli vasi sanguigni e, meno frequentemente, possono essere rilevate singole fibre tra le cellule linfoidi. Il sistema nervoso simpatico e i neurotrasmettitori (noradrenalina) regolano i processi neurali chiave.

vascolarizzazione nell'omento di un mammifero
Immagine reale del sistema vascolare all'omento di un mammifero. Immagine di Leodra

Rilevanza clinica e malattie associate

L'omento può essere il sito che causa i tumori. Occasionalmente possono verificarsi tumori primari dell'omento. È uno dei siti principali che portano alla metastasi dei carcinomi dello stomaco, delle ovaie e del colon. Nel caso dei carcinomi epiteliali ovarici, l'omentectomia viene spesso eseguita per prevenire le recidive locali. L'omentectomia è consigliata anche per i carcinomi che subiscono metastasi attraverso la cavità peritoneale. Il tessuto adiposo omentale può aumentare il livello di glucocorticoidi circolanti che possono contribuire all'obesità e all'insulino-resistenza. Questo è indicato come il “La malattia di Cushing dell'omento.”

Ricerche recenti hanno evidenziato che l'omento è una fonte di diversi componenti importanti come le adipochine (leptina, RANTES) e la resistina. Questo può aiutare a stabilire una relazione tra disfunzione metabolica e obesità intra-addominale.

Riferimenti

Logmans A, Schoenmakers CH, Haensel SM, et al. Elevata concentrazione di fattore tissutale nell'omento, possibile causa delle sue proprietà emostatiche. Eur J Clin Invest 1996;26:82–83. doi:10.1046/j.1365-2362.1996.107247.x.

Bikfalvi A, Alterio J, Inyang AL, Dupuy E, Laurent M, Hartmann MP, et al. Espressione di base del fattore di crescita dei fibroblasti nelle cellule endoteliali microvascolari omentali umane e l'effetto dell'estere del forbolo. J Cell Physiol 1990; 144: 151–158. doi:10.1002/ jcp.1041440120.

Singh AK, Patel J, Litbarg NO, Gudehithlu KP, Sethupathi P, Arruda JA, Dunea G, et al. Le cellule stromali coltivate dall'omento esprimono marcatori pluripotenti, producono elevate quantità di VEGF e si innestano in siti danneggiati. Ris. tessuto cellulare 2008; 332: 81–88. doi:10.1007/s00441-007-0560-x.

Shimotsuma M, Simpson-Morgan MW, Takahashi T, Hagiwara A. Attivazione di macchie lattiginose omentali e macrofagi di macchie lattiginose mediante somministrazione intraperitoneale di un preparato streptococcico, OK432. Ris. Cancro 1992;52:5400–5402.

Florey H, Walker JL, Carleton HM. La natura del movimento dell'omento. J Pathol batteriolo 1926;29:97–106. doi:10.1002/percorso.1700290111.

Oloumi MM, Derakhshanfar A, Molaei M, Tayyebi M. Il potenziale angiogenico dell'innesto omentale libero autogeno nei difetti tibiali sperimentali nel coniglio: studio istopatologico preliminare a breve termine. J Exp Anim Sci 2006;43(3):179–187. doi:10.1016/j.jeas.2006.02.002.

Matoba Y, Katayama H, Ohami H. Valutazione dell'impianto omentale per la terapia dell'ulcera gastrica perforata: risultati in un modello di ratto. J Gastroenterol 1996;31:777–784. doi:10.1007/BF02358602.

Il contenuto condiviso nel sito Web Health Literacy Hub è fornito a solo scopo informativo e non intende sostituire consigli, diagnosi o trattamenti offerti da professionisti medici qualificati nel tuo Stato o Paese. I lettori sono incoraggiati a confermare le informazioni fornite con altre fonti ea chiedere il parere di un medico qualificato per qualsiasi domanda relativa alla loro salute. The Health Literacy Hub non risponde di alcuna conseguenza diretta o indiretta derivante dall'applicazione del materiale fornito.

Condividi i tuoi pensieri
Italian